El Arenal è il quartiere più classico di Siviglia. Di fronte a Triana, è stato dal secolo XVI fino al 1717 il Porto delle Indie, da dove partivano le navi verso America. Il suo nome si deve a che c’era un grande spazio di sabbia (arena) che partiva dalle mura fino al fiume in cui si trovavano anche las Reales Atarazanas (cantieri navali del secolo XIII). Oggi come oggi è il quartiere classico per la festa dei tori, siccome qui si trova la Plaza de Toros della Maestranza di Siviglia.

Altare della Chiesa di San Jorge

Facciata del Hospital de la Caridad

Panoramica dal Ponte di Triana verso El Arenal

Cosa vedere al Barrio del Arenal

Origine del Barrio del Arenal

Questo classico quartiere sivigliano si trova sulla riva sinistra del fiume Guadalquivir e confina a nord con i quartieri Museo e Alfalfa a est e sud con il quartiere di Santa Cruz. Ha una popolazione stimata di 3.800 abitanti. Prima di esistere questo quartiere, era un grande spazio aperto, con pavimento di sabbia, situato tra la porta di Triana delle vecchie mure e la Torre dell’Oro. L’area concentrò gran parte dell’attività portuale della città. Nelle vicinanze si trovava l’edificio medievale delle Atarazanas, il cantiere navale della città. L’edificio, costituito da una grande fila di navi, era utilizzato, da nord a sud, come la Maestranza dell’artiglieria , la chiesa di San Giorgio, l’Ospedale de la Carità e la dogana. Le loro navi furono usate anche come quartier generale principale della Casa de Contratación (Casa di Commercio), prima che venisse spostata sull’Alcazar nel 1503 e, naturalmente, ospitava anche magazzini portuali. Nell’area che un tempo era l’antico ufficio doganale è attualmente presente un edificio della delegazione del tesoro del governo. Nei dintorni si trovavano edifici industriali, botteghe artigiane e la zecca reale.

Sin dai tempi dei romani la città era stata rinforzata di mura. Tuttavia, era nell’era del Impero Almohade quando il complesso delle mura della città raggiunse una maggiore estensione e portanza, insieme alla presenza di palazzi vicino alle mura. Questa serie di mura fu seguita da una fila di torri difensive, che correvano dal fiume all’Alcazar, con la Torre dell’Oro, la Torre dell’Argento, la Torre del Bronzo e la torre di Abd el Aziz. Un’altra enclave tipica del recinto murato è la dogana del olio, dove si dice che i grassi siano entrati in città.

La zona è anche il luogo in cui Siviglia trova buona parte della sua tradizione operistica. Di fronte alla Casa de la Moneda (Zecca), vicino all’Avenida de la Constitución, è dove la tradizione colloca la casa di Figaro (dall’opera Il barbiere di Siviglia). C’è anche l’arena della Maestranza, appartenente ai Maestri di cavalleria reale della città, dove si svolgono le scene di Carmen, la cigarrera di Siviglia. E c’è anche l’Ospedale della Carità, fondato dal venerabile Miguel de Mañara, che ha anche opere in suo onore e diverse da quelle dedicate a Don Juan Tenorio. Il quartiere era il luogo scelto negli anni ’90 per erigere il Teatro de la Maestranza, che è il teatro dell’opera spagnolo. Il luogo è stato visitato da scrittori dell’età dell’oro come Cervantes, Quevedo e Lope de Vega. Quest’ultimo venne a scrivere una commedia intitolata El Arenal de Sevilla, scritta durante il suo soggiorno in città.

Plaza de Toros de la Maestranza

La Plaza de Toros de la Maestranza fu costruita nel diciottesimo secolo. È di proprietà dei Maestri di Cavalleria Reale di Siviglia. L’architettura della piazza è di stile tardo-barocco, caratteristica della seconda metà del XVIII secolo. Il progetto di José Guerrero si distingue per la copertina, formata da un grande arco semicircolare con due colonne in stile toscano sui fianchi e su di essi un balcone con finitura frontone.

La piazza è fiancheggiata da altri edifici, ad eccezione dell’area della facciata principale. La porta principale è conosciuta come la porta del Principe. Gli edifici a schiera formano un blocco quasi triangolare delimitato da tre strade: il Paseo de Colón e le vie Adriano e Antonia Díaz. Il quadrato ha la forma di un poligono irregolare con trenta lati. L’edificio è strutturato in un primo anello attorno all’anello, che è costituito dalla barriera e dalle posizioni di posa e un secondo anello in cui si trovano le dipendenze interne della piazza (recinti, infermieristica, ecc.), su cui sorgono gli stand coperti in una galleria.

Il Palco del Principe è riservato alla famiglia reale spagnola. L’interno dell’edificio ospita il Museo della corrida e la cappella dei toreros. Le corridas principali si svolgono presso la Feria de Abril e la Feria de San Miguel (settembre). La piazza ha posti per 11.000 persone.

Hospital de la Caridad

La Confraternita della Santa Carità fu fondata a Siviglia nella metà del quindicesimo secolo e le sue prime regole sono datate nel 1578, aveva tra i suoi compiti il ​​trasferimento in ospedale dei malati indifesi, di assistere spiritualmente e temporaneamente ai prigionieri che erano stati condannati a morte, e i seppelli. Aiutò anche quando si verificarono inondazioni nel Guadalquivir e raccolse i corpi che si trovavano sulle sue sponde

La grande figura materiale e spirituale della Fratellanza fu Miguel Mañara che entrò come fratello nel 1662, un fatto che cambiò e trasformò sostanzialmente la Fratellanza della Carità, che continuò a trattare con i più bisognosi vivi e non solo mirava a onorare ai morti. Mañara chiese il trasferimento di una delle “atarazanas reali” che era stata costruita dal re Alfonso X di Castiglia nel 1252 per la costruzione di navi. Aprì le porte dell’ospizio in modo che tutti i senzatetto potessero trovare riparo per passare la notte al suo interno. Intraprese la creazione di una sala da pranzo e di un ospedale con 50 letti. Per la sua azione aumentò di oltre 500 persone che entrarono nella Confraternita e sollevarono astronomicamente la raccolta di elemosine tra il 1661 e il 1679 in un milione di ducati, che furono spesi in soccorso dei poveri e di altre opere di beneficenza.

La fratellanza ebbe nell’arenal sivigliano, vicino alle Atarazanas, di un piccolo eremo destinato al culto, sotto l’invocazione di San Jorge. Nel 1645, prima dell’arrivo di Miguel de Mañara presso l’istituzione, avevano acquisito un terreno per la costruzione di una nuova chiesa. Nel 1670, una volta terminata la chiesa, Miguel de Mañara promosse la costruzione dell’ospedale, completando tre sale. Per la costruzione furono utilizzate le navi adiacenti delle antiche atarazanas reali che il re Alfonso X aveva costruito nel 1252. L’ospedale era destinato alla cura dei poveri e dei senzatetto. Inizialmente, i membri della fratellanza consideravano una partecipazione minore al progetto con la creazione di un ospizio dove potevano passare la notte i vagabondi della città. L’ospizio esisteva per otto anni, dopo di che la Fratellanza prese la decisione di espanderlo e convertirlo in un ospedale.

Teatro de la Maestranza

Il Teatro de la Maestranza di Siviglia è opera degli architetti Aurelio del Pozo e Luis Marín. Si trova vicino alla Torre dell’Oro e alla Plaza de Toros de la Real Maestranza, vicino al fiume Guadalquivir. È stato inaugurato dalla regina Sofia il 2 maggio 1991. Da allora, sono passati grandi personaggi della musica internazionale come Montserrat Caballe, Plácido Domingo, Alfredo Kraus o Luciano Pavarotti. Pur avendo la capacità di ospitare tutti i tipi di eventi musicali, è diventato il teatro dell’opera della città per essere stato il sito scelto per quel tipo di evento dopo la sua inaugurazione.

La sala principale ha una forma cilindrica con una capacità di 1800 spettatori, con una cupola di 47,20 metri e una scena di 18,9 per 9,5 metri. È distribuito in bancarelle, due terrazze, un balcone e un paradiso. Nel 2007, fu fatta una riforma che raddoppiò le dimensioni del palcoscenico, che passò da 800 metri quadrati a 1600. Grazie alla sua acustica variabile, possono essere rappresentati diversi spettacoli, dalle opere ai concerti di musica classica e recital, attraverso flamenco, balletto e zarzuelas. Oltre alla sala principale, il complesso ospita sale teatrali sperimentali, mostre, conferenze e un centro di ricerca culturale.

Reales Atarazanas

Le Atarazanas di Siviglia costituivano l’industria navale di proprietà della Corona di Castiglia in città. Erano operativi tra il XIII e il XV secolo. Atarazana è sinonimo di cantiere. Erano specializzati nella costruzione di galeras, che svolgevano un ruolo importante nelle lotte per il controllo dello stretto di Gibilterra, nonché nella partecipazione castigliana alla Guerra dei Cent’anni. Il complesso consisteva in un edificio di diciassette navi accanto a una grande spianata di sabbia che ha raggiunto le rive del fiume Guadalquivir.

Ferdinando III, re di Castiglia e Leon, conquista Siviglia ai musulmani nel 1248. Dopo aver effettuato conquiste su gran parte della penisola, decide di intraprendere campagne militari per conquistare anche il Nord Africa e prevenire così possibili minacce che potrebbero provenire da quella zona. Per fare ciò, decide di costruire diversi bajele e galee a Siviglia. Tuttavia, Fernando muore nel 1252 e suo figlio, Alfonso X, concorda con l’utilità di creare una flotta e ordina la costruzione delle atarazanas. Il luogo scelto era un’area al di fuori del recinto murato e molto vicino al Guadalquivir, nell’area tra la Torre dell’Oro, la Torre dell’Argento, la Porta del Carbonio e la persiana a olio. Pertanto, nel quartiere dell’Arenal, furono costruiti 17 edifici di fabbriche di mattoni perpendicolari al Guadalquivir e di fronte al recinto Almohad della città, coprendo circa 15.000 metri quadrati. Era una delle più grandi strutture industriali del Basso Medioevo in Europa, con un’estensione paragonabile a quella che era allora l’Arsenale di Venezia.

Architettonicamente è un’opera gotica e mudéjar costruita interamente in una fabbrica di mattoni, che mostra l’influenza dell’arte almohade negli edifici medievali nella città di Siviglia. Stupiscono le dimensioni delle sue ampie e lunghe navi a terrazze e coperte da volte a crociera, appropriate per la costruzione delle più grandi navi dell’epoca. Queste navi comunicano lateralmente attraverso spessi archi leggermente appuntiti e uno di fronte all’altro che partono direttamente da terra e che nel loro insieme provocano interessanti prospettive all’interno. Le Atarazanas furono usati come ambientazione per la serie Trono di Spade per ricreare le cripte della Fortezza Rossa. Le riprese si sono svolte a novembre 2016 per la settima stagione.

Vedi anche —> Cosa fare a Siviglia

Vedi anche —> Dove mangiare al Arenal

Vedi anche —> Dove dormire al Arenal

Se vuoi scoprire tante altre cose da questo meraviglioso quartiere accompagnato da una guida ufficiale mi puoi contattare attraverso il modulo di prenotazioni.

Share This