Triana è il quartiere più particolare di Siviglia. Oltre la del fiume Guadalquivir, è stato il primo arrabal (quartiere costruito fuori delle mura della città). La sua origine è antica. Secondo la mitologia, la dea Astarte, in fuga dalla persecuzione amorosa di Ercole, fondatore mitologico della città di Siviglia, venne a rifugiarsi sulla costa occidentale del Guadalquivir, fondando Triana.

Vista di Triana dal Arenal

Ponte di Triana e Castello di San Jorge

Vista del Guadalquivir dal Ponte di Triana

Cosa vedere al Barrio de Triana

Storia di Triana

Oltre la leggenda, esistono diverse teorie sull’origine del suo nome:

La teoria più diffusa afferma che Triana proviene da “tre-fiumi” (tri-anna in lingua celtiberica), le tre braccia del Guadalquivir. Triana procede secondo questa teoria dalla geografia che aveva la città quando si stabilirono i primi trianeri. Millenni fa, il Guadalquivir formava un enorme delta fino a Siviglia. Il delta formava numerose braccia che, nel tempo, convergevano in tre. Un braccio è quello che attualmente separa Siviglia da Camas, l’altro attraverserebbe l’attuale bacino fluviale e il terzo correva lungo l’Alameda de Hercules e Calle Sierpes.

L’ipotesi più probabile secondo gli esperti ci dice che Triana era un quartiere fondato da Traiano, l’imperatore nato a Italica, da cui avrebbe preso il nome.

– D’altra parte, è noto che gli arabi chiamavano questa zona Atrayana o Athriana, che è una variazione fonetica di Traiana. Il suo significato in arabo è oltre il fiume.

Un’altra teoria sostiene la somiglianza tra i due fiumi. Sia il quartiere romano di Trastevere che Triana si trovano oltre il fiume, il Tevere e il Guadalquivir. Triana potrebbe provenire da trans-amnen (oltre là del fiume), che ha lo stesso significato di TrastevereTranstibere.

– L’ultima versione si basa sull’invocazione liturgica del giorno della festa di Sant’Anna, patrona di Triana. Il Messale ispanico in latino conservato nella Biblioteca della Cattedrale di Siviglia, risalente al tredicesimo secolo, recita: “Tris Anne plene gracie nobis …”. In questo modo, il prefisso “tris” sarebbe l’abbreviazione di “mater-matris”, che significherebbe che Triana era l’evoluzione di Madre Ana. Per coincidenza, la chiesa più importante di Triana è la Chiesa di Sant’Anna, che curiosamente i trianeri chiamano la Cattedrale di Triana.

Tradizionalmente era un quartiere di marinai, operai, ceramisti e industriali. È famoso per i suoi toreri, cantanti e ballerini di flamenco. Triana ha avuto una presenza significativa dei gitani da tempo immemorabile. La popolazione gitana era concentrata in una parte del quartiere conosciuta come Cava de los Gitanos. Le famiglie gitane vivevano di artigianato, in particolare di fabbro, e favorivano notevolmente il flamenco. Si ritiene che il genere flamenco sia emerso alla fine del diciottesimo secolo nelle città e nei villaggi agrari della Bassa Andalusia (Andalusia occidentale), evidenziando il quartiere di Triana. Ci sono ipotesi che indicano l’influenza nel flamenco di tipi di danza dal subcontinente indiano, che è il luogo di origine della popolazione gitana.

L’industria principale del quartiere di Triana costituiva tradizionalmente la produzione di terracotta, piastrelle, azulejos, mattoni e fango in generale, motivati ​​da terreni argillosi e caratteristiche limose che esistono in tutta la zona di Triana. I resti più antichi di queste opere risalgono al periodo degli almohadi, sebbene l’attività sia probabilmente precedente, poiché le sante Justa e Rufina, di epoca romana, erano note per la loro professione di vasellame. L’uso di triade di piastrelle nell’architettura locale iniziò in palazzi del XV secolo. Nel 1841 l’industriale britannico Charles Pickman costruì una fabbrica di terracotta nell’antico Monastero della Cartuja. L’architettura regionalista andalusa della prima metà del XX secolo impiegava molte piastrelle, il che contribuì all’aumento della produzione di fabbriche di ceramica di Triana. All’inizio del XX secolo c’erano 24 fabbriche dedicate a questo tipo di prodotti.

Uno dei personaggi storici del quartiere è Juan Rodríguez Bermejo, Rodrigo di Triana (quindicesimo secolo), chi fu un marinaio spagnolo di una delle caravelle di Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio, in cui ebbe luogo la scoperta del continente americano. Secondo la storiografia, fu il primo che avvistò il Nuovo Mondo. Del lato sinistro del ponte di Triana si trova la Calle Betis (nome che avevano dato i romani al fiume) lungo il fiume, con tanti bar e locali per la movida notturna. In questa zona caratteristica di Siviglia ci sono ristoranti eleganti ma anche bar per mangiare tapas tipiche.

Plaza del Altozano

Centro di riferimento del quartiere, storicamente era il punto in cui i viaggiatori convergevano, prima di attraversare il cosiddetto ponte delle barche, in direzione a Siviglia. L’attuale piazza è decorata, soprattutto, dall’architettura del primo quarto del XX secolo. Spicca la scultura del torero Juan Belmonte, molto legata a Triana e inaugurata nel 1972, opera di Venancio Blanco, e un’altra dedicata al flamenco, di Jesús Gavira Alba del 1994.

Mercado de Triana

L’attuale Mercado de Triana si apre nella Piazza del Altozano, dove i resti dell’antico Castillo de San Jorge si trovano al piano terra. Questa fortezza fu sede dell’Inquisizione dal 1481, sebbene la sua costruzione iniziale dell’era araba risale al 1171. Nel 1990 il vecchio mercato fu demolito per costruirne uno più moderno e nella sua costruzione vennero alla luce i resti del castello e un cimitero del periodo almohade. Sono stati effettuati lavori archeologici e di conservazione. Il nuovo mercato è stato inaugurato nel 2001. Dopo il mercato si raggiunge il Callejón de la Inquisición, situato alla confluenza delle strade Castilla, San Jorge e Callao. Fu per un secolo e mezzo l’unica testimonianza visibile della presenza dell’antico Tribunale dell’Inquisizione di Triana.

Iglesia de Santa Ana

La Iglesia de Santa Ana, risalente al XIII secolo, è la più antica di Siviglia. È stata parzialmente ricostruita dopo il Terremoto di Lisbona del 1755. È una chiesa parrocchiale gotico-mudéjar. Costruita nel 1266 per ordine del re Alfonso X. La sua origine è dovuta, secondo l’iscrizione di una delle sue mura, alla cura del monarca di una malattia che soffriva negli occhi, attraverso un intervento miracoloso da Sant’Anna. Dopo la conquista della città, Alfonso X creò una piccola città seguendo un centro abitato attorno al Castillo de San Jorge, nel quartiere di Triana, dove sarebbe stata fondata la Parrocchia di Santa Ana. Questa chiesa doveva essere stata fortificata, poiché fu la prima ad essere costruita fuori città dopo la sua riconquista, mantenendo le caratteristiche aste merlate sui tetti delle sue terrazze.

Capilla de los Marineros

È la sede della Confraternita della Esperanza de Triana, una delle madonne più venerate della Settimana Santa di Siviglia e ovviamente la madonna dei trianeri. È conosciuta come La Vergine, Regina e Signora di Siviglia e Triana per la grande devozione che si risveglia in tutta la geografia spagnola e in più parti del mondo. Si trova alla Calle Pureza, numero 52.

Vedi anche —> Cosa fare a Siviglia

Vedi anche —> Dove mangiare a Triana

Vedi anche —> Dove dormire a Triana

Se vuoi scoprire tante altre cose da questo meraviglioso quartiere accompagnato da una guida ufficiale mi puoi contattare attraverso il modulo di contatti.

Share This