San Bernardo è un quartiere vicinissimo al centro storico di Siviglia. Si trova a solo 5 minuti dell’Alcazar ed è la zona da dove l’esercito cristiano ha conquistato la città ai musulmani al XIII secolo. Oggi come oggi si trova tra Nervion (quartiere che è il centro economico di Siviglia) e il centro storico della città.

Puente de San Bernardo (Puente de los Bomberos)

Jardines de la Buhaira

Iglesia de San Bernardo

Cosa vedere al Barrio de San Bernardo

Storia e origine del Barrio de San Bernardo

Con i musulmani San Bernardo era un arrabal fuori dalle mura della città, vicino a una laguna (al-buhaira in arabo). La laguna fu prosciugata durante il regno di Al-Mutamid (Re di Siviglia nel periodo delle taifas, creando frutteti nella zona e, nel XII secolo, Abu Yacub Yusuf costruì un palazzo con giardini accanto a questi frutteti. Oggi il quartiere adiacente a quello di San Bernardo conserva il nome di La Buhaira.

Quando Fernando III arrivò il 22 agosto 1247, il giorno di San Bernardo, decise di allestire uno dei campi per l’assedio della città in questo luogo. Alcuni nomi di strade commemorano questo fatto: Campamento, Santo Rey o Cofia. Infatti, fino al 1859 la strada principale era conosciuta come Calle Ancha de San Bernardo. A partire dal XIV secolo, le fonderie proliferarono nel quartiere, specializzandosi nella fusione di pezzi di artiglieria. Nel XVI secolo, questi lavoratori costruirono il loro quartiere, che non avrebbe avuto nulla a che fare con il vecchio arrabal arabo. Certo, era un quartiere fuori dalle mura, isolato dalla città non appena la Puerta de la Carne veniva chiusa dalle mura ogni notte. Non solo l’artiglieria veniva prodotta nelle fonderie, perché nel XVI secolo le sculture di Bartolomé Morel si fondevano lì, come il Giraldillo (figura in cima della Giralda) nel 1568.

Sempre nel XVI secolo fu costruita la Parrocchia di San Bernardo. Secondo la tradizione, la chiesa fu costruita sul sito di un vecchio eremo che era stato costruito per ordine di Fernando III el Santo. Con Filippo III le fonderie private furono sostituite per creare la Fonderia di bronzo di artiglieria, espandendo le officine. Negli anni ’80 del XVIII secolo, per ordine di Carlo III, fu ricostruita la fabbrica, già nota come la Real Fábrica de Artillería.

San Bernardo ospitava un macello, che fu costruito ai tempi dei Re Cattolici, immortalato da Cervantes nel suo Coloquio de los perros, che secondo lui era uno dei tre luoghi che il re aveva lasciato per vincere a Siviglia e dove diede alla luce Berganza, uno dei suoi protagonisti; Accanto a lui c’era la prima scuola di tauromaquia, fondata ai tempi di Fernando VII (XVIII secolo). Molti famosi toreri hanno vissuto nel quartiere: Pepe Luis Vázquez, suo fratello Manolo Vázquez (soprannominato El Brujo de San Bernardo) e José Rivas (soprannominato Moreno Chico de San Bernardo). Anche Francisco Arjona Herrera, chiamato Cúchares.

Nel 1902 fu aperta la vecchia Stazione di San Bernardo, nota anche come Stazione di Cadice, che fu chiusa nel 1991. Nel 1990, la Stazione di Plaza de Armas, nota anche come Stazione di Cordoba, fu chiusa. Ciò era dovuto a un ripensamento del traffico ferroviario attraverso la città, che si concentrò alla Stazione di Santa Justa. Nel 2009, la stazione della metropolitana di San Bernardo è stata inaugurata, che a sua volta consente il passaggio sotterraneo all’omonima stazione ferroviaria. Le stazioni sono vicine alla fermata Metro Centro (tram).

Puente de San Bernardo

Nel diciannovesimo secolo, il passaggio della ferrovia peggiorò le comunicazioni del quartiere con la città a causa dei binari del treno, causando proteste al Consiglio comunale, che risolse parzialmente il problema con un ponte di legno e un sottopasso tra il viale di Cadice e la calle San Bernardo. Sebbene il vero miglioramento delle comunicazioni del quartiere con la città arrivò nel 1924 con la costruzione del Puente de San Bernardo, chiamato anche Ponte dei Vigili del Fuoco perché vicino alla caserma dei pompieri. Sia il ponte che la caserma dei pompieri furono realizzati dall’architetto regionalista Juan Talavera y Heredia. Il ponte attualmente passa su una strada, ma al momento della sua costruzione ha salvato i binari della ferrovia.

Iglesia de San Bernardo

La Iglesia de San Bernardo fu costruita alla fine del XVIII secolo, tra il 1780 e il 1785. Le tracce furono date dall’architetto José Álvarez e la sua inaugurazione ufficiale fu effettuata l’anno dopo il suo completamento, nel 1786. La sua estetica è inquadrata nel periodo del passaggio dal barocco al neoclassico. Ha subito le conseguenze di un incendio con saccheggio nel 1936, ma conserva opere di interesse, alcune delle quali provenienti da altri templi di Siviglia. Il suo interno è organizzato secondo una pianta a croce latina, composta da tre navate, un transetto e un presbiterio. Delle navate, quella centrale è coperta da una volta a botte con archi e lunette smerlati, così come il presbiterio e il transetto, al cui centro sorge una cupola ottagonale a tamburo che è sormontata da una lanterna. Spicca la pala d’altare principale, uno splendido pezzo di stile neoclassico il cui elemento centrale è la Virgen del Refugio della Confraternita di San Bernardo, che ha sede in questa chiesa.

La chiesa presenta due facciate all’esterno, entrambe realizzate in mattoni scolpiti. Il resto del rivestimento esterno è stato rifinito con il caratteristico mattone rinforzato, così comune nell’architettura di Siviglia della seconda metà del XVIII secolo. Come ho detto, questa chiesa è la sede della Confraternita di San Bernardo, che fa la sua processione il Mercoledì Santo della Settimana Santa di Siviglia. Le immagini di questa fratellanza sono il Cristo de la Salud e la Virgen del Refugio.

Jardines de la Buhaira

Fu nella seconda metà del XII secolo, con gli almohadi, quando l’allora califfo Abu Yacub Yusuf (Yusuf I) ordinò la creazione di un palazzo e giardini nel mese di ottobre del 1171 alla periferia della porta Yahwar di Siviglia, nel luogo noto tra la gente precedentemente come Bocado de Faraon. Per la creazione di questo spazio agricolo ricreativo (almunya in arabo), furono portate terre fertili da diversi luoghi dell’Aljarafe sivigliano, ulivi, viti, peri, meli e altri alberi da frutta esotici furono ordinati da diversi punti di Al-Andalus. I lavori della piantagione non si conclusero fino al 1195). Il responsabile degli edifici era Abmad b. Basso.

Una volta completati i lavori, il complesso fu circondato sui suoi quattro lati da un muro alto e potente. Tale era l’interesse del califfo per queste opere che, secondo le cronache, usciva a cavallo accompagnato da persone che guidavano ad osservare le opere e ricreare la vista contemplando le opere. Per l’approvvigionamento idrico fu costruito un acquedotto collegato all’acquedotto romano, ricostruito allo stesso tempo, la cui fonte proveniva dalla vicina città di Qal’at Yabir (Alcalá de Guadaira). Quell’acqua era immagazzinata in una grande piscina o stagno, chiamato buhayra nel dialetto nordafricano.

Durante l’assedio di Fernando III l’arrabal di Benialofar, a cui apparteneva la tenuta Buhayra, fu bruciato dagli eserciti castigliani. Dopo la conquista passarono con tutti i beni dell’emiro come proprietà reale, conservando agli inizi il nome di Benahofar. Alfonso X lo concesse in seguito al re di Niebla, tornando alla corona castigliana pochi anni dopo. Questo darà origine al nome di Huerta del Rey come è stata conosciuta la zona.

Il palazzo almohade, di cui rimangono alcuni resti, è un padiglione rettangolare interamente costruito in mattoni, costituito da quattro portici con pilastri ovali e fiancheggiati, sui lati, da quattro modeste torri. Le facciate ovest e ovest sono modulate da un ampio arco centrale, più grande del resto, situato sull’asse della grande piscina, causando una forte asimmetria nella distribuzione della facciata. Attraverso la facciata meridionale dell’edificio, circolano i tubi che trasportano acqua nella piscina e successivamente nell’area del giardino.

Vedi anche —> Cosa fare a Siviglia

Vedi anche —> Dove mangiare a San Bernardo

Vedi anche —> Dove dormire a San Bernardo

Se vuoi scoprire tante altre cose da questo meraviglioso quartiere accompagnato da una guida ufficiale mi puoi contattare attraverso il modulo di prenotazioni.

Share This